La Onlus che distribuisce il cibo a persone bisognose evitando inutili sprechi

Chi lavora negli eventi e per grandi manifestazioni che prevedano un catering, un rinfresco o simili lo sa: spesso avanza del cibo.
Spesso ne avanza tanto.
Spesso finisce nei bidoni.
Questo è davvero uno spreco. Sul lavoro, molti, fanno poco attenzione a questo aspetto. Passa quasi come una cosa “normale” e nemmeno gli si dà tanto peso. A volte succede anche negli eventi privati come i matrimoni.
Quando ho letto di questa Associazione ho detto “ Meno male qualcuno ci ha pensato e fa qualcosa”.
In particolare  sto parlando di equoevento Onlus
Il loro claim: AGGIUNGI UN PASTO A TAVOLA!
Equoevento è un’organizzazione senza scopo di lucro, fondata da Giulia Proietti, Carlo De Santis, Francesco Colicci, Giovanni  Spatola che, dal dicembre del 2013, recupera il cibo dagli eventi e lo dona a enti caritatevoli, case famiglia e bisognosi.
L’evento finisce, gli ospiti sono soddisfatti e poco dopo…altre persone possono gioire di quello stesso banchetto.

I fondatori di equoevento - foto tratta dal sito equoevento.org
I fondatori di equoevento – foto tratta dal sito equoevento.org

In pratica vuol dire:

MENO SPRECHI, MENO FAME,

MENO RIFIUTI = PIÙ FELICITÀ

Il lavoro di questa organizzazione parte da quella che è la legge 155, conosciuta anche come “legge del buon samaritano” entrata in vigore il 16 luglio del 2003, che permette di recuperare cibo per destinarlo a persone indigenti.
Grazie a questa legge sono nate realtà come Siticibo, della Fondazione Banco Alimentare Onlus, che si occupano appunto di recuperare alimenti.

Sul loro sito vi è anche la possibilità di diventare sostenitori dell’ Associazione, con donazioni libere oppure con il classico 5×1000.
Ma non solo: trovi anche una sezione dedicata alle raccolte fondi  a cui, anche tu, puoi partecipare attivamente anche se non stai organizzando un particolare evento.
Una campagna ha un obiettivo economico e una descrizione del progetto.  In tempo reale puoi vedere quanto è stato raccolto e quanto manca a completarla. Alcuni esempi sono: comprare un furgone frigo, con il quale in un anno possano recuperare cibo in circa 100 eventi, oppure avere 10.000 vaschette per portare a destinazione 80.000 pasti.

Per conservare i cibi vengono utilizzati materiali termoisolanti e contenitori alluminio coperti e richiusi, forniti dall’associazione stessa, anche se spesso i catering contribuiscono fornendo questi materiali. Il processo di recupero avviene in modo molto rapido e il cibo deve essere portato immediatamente alle mense caritatevoli. A questo proposito va sottolineato come vengano presi solo cibi freschi cotti, e non ad esempio del pesce crudo. Il tutto viene portato entro 2/3 ore alle persone più bisognose.
Questa è sicuramente una redistribuzione delle risorse, per combattere gli sprechi, a cui proprio nell’anno di Expo si dovrebbe dare ancor più attenzione.

Un esempio delle loro attività: a febbraio, con la Nazionale italiana di Rugby durante il Sei Nazioni  hanno “salvato” quasi 800 chili di eccedenze alimentari dai vari banchetti pre-gara, dal Gala dinner, e negli stand Peroni nel Villaggio del Foro Italico, che sarebbero andati sprecati. Inoltre persone che normalmente quando mangiano hanno la possibilità di avere solo dei piatti molto semplici proverebbero il gusto di piatti realizzati anche da grandi chef, variando così la loro dieta.
Ad oggi Equoevento opera nella città di Roma ed è stata coinvolta in:

160 eventi, ha sfamato 30.000 persone e recuperato 90.000 pasti, collaborando con 20 enti caritatevoli.
equoevento.org - Foto tratta dal sito ph.Giorgia Calisi
equoevento.org – Foto tratta dal sito ph. Giorgia Calisi

E, perché no, puoi tu stesso diventare un volontario! Basta metterti in contatto con l’Associazione, compilare il form e riceverai così tutte le informazioni per contribuire ai vari progetti.
La forza di equoevento è la condivisione. Anche con poco puoi realizzare un grande progetto.

Per metterti in contatto con loro:

Web:  equoevento.org
T. 3296052590 / 3896983088
e-mail info@equoevento.org

Social:

Facebook: equoevento
Google+: +EquoeventoOrg
Twitter: @equoevento
Linkedin: equoevento-onlus
Vimeo: equoevento
Youtube: equoevento

 

 

 

 

 

 

Nessun Commento

Lascia un commento